I 5 thriller di Pantaleo, più due…

 

https://www.amazon.it/UN-FUTURO-SOSPESO-dellispettore-Pantaleo-ebook/dp/B071P9HWND/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1495993431&sr=8-1&keywords=un+futuro+sospeso

http://www.amazon.it/dp/B00I0EOVQ2

http://www.amazon.it/Il-filo-incrociato-prevedere-colpir%C3%A0-ebook/dp/B00R5B6074/ref=pd_ecc_rvi_3?ie=UTF8&qid=1424422758&sr=1-3

http://www.amazon.it/VENDETTA-DEL-TEMPO-indagine-dellispettore-ebook/dp/B018U6JQGY/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1449056175&sr=1-1&keywords=la+vendetta+del+tempo

https://www.amazon.it/dp/B0788TCFTW/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1513280091&sr=1-1&keywords=le+radici+della+paura

I 4 thriller dell’ispettore Pantaleo, più il prequel della serie, sono molto diversi tra loro. Innanzitutto per i temi affrontati, ma anche per il ‘taglio’, per così dire, che caratterizza ognuno di essi.

Il primo, “LA LOGICA DELLA FOLLIA”, che è poi quello che ha permesso al grande pubblico di conoscere l’ispettore Pantaleo, affronta il caso di serial killer che scolvolge la vita di due città di mare. Genova e Bari, nell’arco di un ventennio, mostrando delle connotazioni, come immaginabile, molto molto forti e crude, che colpiscono il lettore dritto allo stomaco. Non è un caso se proprio le peculiarità di questo caso hanno da un lato attratto e affascinato gli appassionati di thriller più avvezzi alle atrocità e alla cattiveria, nelle sue forme più crudeli e ancestrali, mentre dall’altro hanno finito per spaventare (in alcuni casi addirittura infastidire, a livello fisico) un’altra parte di pubblico meno propensa a vedersi sbattere in faccia un crimine dietro l’altro senza alcun tipo di filtro. Per quanto, la cronaca nera dei tempi nostri, sia sempre opiù spesso ben più avanti di qualunque spinta immaginazione letteraria.

Il secondo thriller dell’ispettore barese, dal titolo “IL FILO INCROCIATO”, mostra invece, un taglio decisamente meno d’impatto a livello di crudezza descrittiva e mentale della storia, restando infatti caratterizzata da una profonda, a tratti disarmante, connotazione psicologica della trama che spinge, man mano che l’indagine avanza, tanto Pantaleo quanto il lettore che lo affianca di continuo, a indagare nel lato più profondo e buio dell’animo dei vari protagonisti, così da dare un volto al colpevole di due inpiegabili omicidi che, nella prima parte del romanzo, sconvolgono imprevedibilmente la vita di una benestante e conosciuta famiglia del capoluogo pugliese.

Il terzo thriller, dal titolo “LA VENDETTA DEL TEMPO”, uscita a metà dicembre del 2015, e che ha subito fatto registrare, sulla scia dei due romanzi precedenti, un incredibile boom di vendite in poche settimane (e di centinaia di migliaia di pagine lette sui dispositivi kindle di Amazon), si svolge lontana dai confini italiani nazionali. L’ispettore Pantaleo infatti, su richiesta del suo amico americano Henry Domonte, la cui moglie è stata atrocemente uccisa in casa loro (ghigliottinata con la porta dell’ascensore interno) pochi giorni prima di Natale, si reca negli Stati Uniti, per dare il suo contributo alle indagini dell’F.B.I. di Boston, dove vive Domonte. Il capo del Federal Bureau di Boston però, l’agente speciale Robert Larisi, non mostra inizialmente verso l’ispettore barese una grande simpatia. Gli sembra infatti, intollerabile che un poliziotto straniero, per quanto richiesto direttamente dal suo amico, e consulente dell’F.B.I., Domonte, debba ficcare il naso in indagini federali di cui lui, e lui soltanto resta il titolare. Ma Andrea Pantaleo, forte della sua natura di vero segugio, saprà pian piano dimostrare sia Larisi che a se stesso, nel corso delle serrate e spiazzanti indagini a cui prenderà parte, come uno sbirro italiano sappia, e possa, dire la sua in fatto di caccia a feroci criminali. Di qualunque natura e a qualunque latitudine essi si trovino a colpire. Sarà proprio questa sfrenata caccia all’uomo, dalla diabolica intelligenza ben oltre la media, che si svolgerà in più di uno Stato dell’Unione, a minare seriamente la convinzione di Pantaleo nel continuare a cacciare feroci assassini…

Nel quarto thriller “Le radici della paura” dopo essere tornato da Boston, l’ispettore Pantaleo medita seriamente di dimettersi dalla Polizia di Stato. Essere un poliziotto della squadra omicidi è sempre stata la sua vita e, in quindici anni trascorsi al servizio della Questura barese, non si è mai risparmiato nel catturare assassini di ogni tipo, guadagnandosi la stima di colleghi, magistrati e alti papaveri del corpo a cui appartiene. Ma forse ora, dopo quello che ha vissuto negli ultimi tempi, la misura è colma. Le sue dimissioni sono sul punto di essere definitivamente formalizzate, quando nonna Sofia decide di confessargli la verità sul suo passato. Ciò che Pantaleo ha sempre pensato della ragione per cui è dovuto crescere come orfano, in un collegio della città vecchia del capoluogo pugliese, in realtà è una bugia. Detta a fin di bene, per aiutarlo a diventare adulto nella maniera più serena possibile, ma pur sempre una bugia. Adesso che ha saputo la verità, Pantaleo deve decidere: andare sino in fondo, dimettendosi definitivamente dalla Polizia di Stato, o scoprire che cosa è davvero accaduto oltre trentacinque anni prima, quando lui aveva poco più di un anno.
Il tempo sembra aver cancellato ogni traccia in grado di condurlo sulla strada degli assassini che hanno per sempre cambiato il corso della sua vita, ma purtroppo ogni indagine ha il suo prezzo. Un prezzo che stavolta, per l’ispettore Pantaleo, sarà molto, molto alto…

E poi c’è il Prequel, “Un futuro sospeso”, che è sempre un romanzo giallo basato su un’altra indagine. Anzi, a dire il vero, si tratta della vera, prima indagine di Andrea Pantaleo, molto giovane, non ancora diventato un poliziotto. Il romanzo narra quindi, con toni schietti e vivaci, la storia del giovane Andrea Pantaleo, orfano dalla nascita e cresciuto in un collegio della città vecchia di Bari, sino ai 18 anni, divenuto in giovanissima età ispettore della squadra omicidi del capoluogo pugliese. Andrea e Katia sono due giovani dalle vite profondamente differenti. Lei, bella, intelligente, di buona famiglia, avviata a una carriera da avvocato, abituata a ottenere sempre ciò che desidera; lui, imponente, sportivo, affascinante come la notte, ma senza genitori, e dunque costretto a badare a se stesso sin da quando aveva cinque anni. E poi, un pesante passato alle spalle e un difficile segreto che Andrea non può rivelare.
Un fortuito incontro-scontro tra le vie del centro di Bari, dove i due giovani stanno passeggiando ognuno per conto suo, durante una bella giornata primaverile, e le loro vite finiscono inevitabilmente per intrecciarsi. Katia urta senza accorgersene l’imponente sagoma di Andrea, rimbalzando per terra sul marciapiede, come una pallina da tennis. Il ragazzo, rimasto sulle prime sorpreso e interdetto, si affretta a soccorrere la malcapitata. L’aiuta ad alzarsi ed è in quell’istante che i loro occhi si perdono nei reciproci sguardi. Entrambi, a pelle, avvertono che da quel momento in avanti nulla sarà più come prima, per nessuno dei due. Ma né Katia né Andrea possono immaginare come la vita, a volte, sia disposta a cambiare di continuo le carte in tavola. E soprattutto, a giocare pesantemente con i destini degli uomini. Sarà proprio ciò dinanzi a cui la sorte metterà Andrea Pantaleo, a fargli decidere di entrare nella Polizia di Stato di Bari, come ispettore della squadra omicidi.

I 4 thriller dell’ispettore Pantaleo: “LA LOGICA DELLA FOLLIA”, “IL FILO INCROCIATO”, “LA VENDETTA DEL TEMPO” e “LE RADICI DELLA PAURA”, insieme al giallo prequel della serie “UN FUTURO SOSPESO”, hanno riscosso un tale successo, sin da subito, tra i lettori italiani e d’Oltralpe (soprattutto in Francia, Regno Unito, Spagna, Olanda e Stati Uniti), che in poco tempo ne sono state vendute decine di migliaia di copie (la soglia delle 50.000 è ormai a portata di mano), e sono state lette quasi 5.000.000 di pagine sui dispositivi Kindle di Amazon.

E c’è chi inizia a parlare di una SERIE TELEVISIVA…

Staremo a vedere amici 😉

In ogni caso, al di là di quelli che sono i gusti personali di ognuno di voi, una cosa resta incontrovertibile e certa: con i suoi 5 thriller, l’ispettore Andrea Pantaleo ha conquistato il cuore di decine di migliaia di lettori italiani, al punto che oggi in tanti, anzi tantissimi, chiedono a gran voce, e con garbata insistenza, un sesto nuovo thriller (una quinta indagine, se si esclude il prequel) del poliziotto barese amante di Shelock Holmes ed Ellery Queen, che per questo arriverà su Amazon, udite udite, a febbraio 2019!!

Alla fine di questa pagina, potrete cominciare ad apprezzarne la copertina…

Infine, ci sono altri due avvincenti thriller, “UNA VOCE DAL BUIO” e “SOTTO SHOCK” che, pur non avendo come protagonista l’ispettore Pantaleo, stanno comunque riscuotendo un grandissimo successo tra gli amant dei gialli thriller, e non solo. Basta leggere le recensioni entusiaste (con qualche distinguo, è giusto dirlo) che i lettori continuano a postare su Amazon.

I 7 gialli infatti, cioè sia le cinque indagini dell’ispettore Pantaleo, sia gli altri due di cui vi ho appena parlato, sono TUTTI stabilmente tra i primi 20 BESTSELLER AMAZON, ormai da mesi.

Veniamo quindi ora ai due thriller di cui vi dicevo.

Cominciamo da “UNA VOCE DAL BUIO”

Il giallo è incentrato sulla storia di Serena Barni (narrata in prima persona), una manager molto intelligente e capace che lavora presso la WorldPower, una delle maggiori multinazionali produttrici di energia d’Europa, con sede strategica a Roma. E’ una milanese bella e avvenente, con una classe inconfondibile e un fascino che facilmente irretisce gli uomini. Tutti gli uomini. Da cinquantacinque secondi il suo cuore ha smesso di battere. Adesso è la sua anima, o quel che resta del suo corpo ormai inerme, disteso per terra, a raccontare l’incredibile storia che le è accaduta.
Narrando, passo dopo passo, come tutto sia cominciato, a partire dai suoi ultimi diciotto giorni di vita. Il suo è un diario che procede in crescendo, con un ritmo avvincente, vibrante e angosciante, ricco di colpi di scena, che dimostra pian piano come la protagonista sia costretta dagli eventi a fuggire dalla sua quotidianità, senza intravedere via d’uscita. Non sa perché, né quando, né come tutto ciò che ha vissuto sia accaduto.
E non sa neppure chi sia l’autore del perverso piano criminale di cui è rimasta alla fine vittima.
Ma soprattutto, Serena Barni ignora la cosa più importante.
E cioè, che niente è realmente come sembra…

https://www.amazon.it/UNA-VOCE-DAL-BUIO-Niente-ebook/dp/B01JBD6H5I/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1482246548&sr=8-1&keywords=una+voce+dal+buio

E finiamo per occuparci di “SOTTO SHOCK”

La trama di questo giallo molto, molto particolare è davvero mozzafiato. E questo, anche in virtù de fatto che essa affronta, tramite le vicende narrate e i personaggi coinvolti, problematiche che vanno ben oltre la pura connotazione “gialla” del romanzo.

Nel corso di un’importante operazione antidroga, avvenuta nella periferia di San Francisco, contro i Dark Lions, il maggior cartello colombiano che esporta stupefacenti di tutti i tipi negli Stati Uniti, una ragazzina viene trovata, legata e imbavagliata, in un deposito sporco e abbandonato attiguo a quello in cui si è svolto il blitz. Gli agenti della DEA, Monica Muller e Robert Stratton, i primi che si accorgono di lei, sin da subito iniziano a brancolare nel buio. Cercano di darle un’identità, ma presto capiscono che non è affatto semplice. La piccola infatti, non ha documenti, non ricorda nulla e non risulta tra le ragazzine scomparse negli Stati Uniti. E’ chiaramente americana, ma non sa dire come si chiami, da dove venga, dove sia la sua famiglia, e neanche il perché si trovasse lì, in quel posto dimenticato. L’unica cosa che ricorda è la sua età: dodici anni. Nient’altro. Sembra comparsa dal nulla. Nonostante spetti all’FBI indagare sul caso, Monica Muller pretende di occuparsene di persona. La federale della DEA infatti, capisce che quella ragazzina non è una bambina come tutte le altre. Possiede un potere molto speciale. E soprattutto, molto, molto inquietante, che la rende una minaccia. Per più d’uno. Parla poco, pochissimo, ma quando lo fa dimostra di non aprire bocca a vanvera. Man mano che le indagini sulla piccola proseguono, Monica Muller, che sin dai primi istanti del suo ritrovamento ha ravvisato un’istintiva affinità con la bambina, si accorge che molte cose intorno a lei sono diverse da come le ha sempre credute. Al punto che l’indagine nata per caso per dare un’identità alla ragazzina sconosciuta, si rivela presto una folle corsa contro il tempo per scoprire, prima che ogni traccia venga cancellata per sempre, la sconvolgente verità risalente a molti anni prima. Che non riguarda soltanto la piccola senza memoria…

https://www.amazon.it/dp/B07G5H2T7J/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1533313751&sr=1-1&keywords=sotto+shock

Per ora è tutto amici.

Ci aggiorniamo nelle prossime settimane per le prime info sulla 5° INDAGINE DELL’ISPETTORE PANTALEO, di cui per il momento vi anticipo solo la copertina 😉

 

A PRESTOOOOOOOOO!!!! 🙂 🙂